Ieri sera è stata una bruttissima serata…

…. verso le 19.00 mi chiama al cellulare sandra bettoni (Prp Venezuela) dandomi la notizia, appena battuta dalle agenzie, sulla caduta di un aereo bimotore a Los Roques con italiani a bordo e a quanto sembrava, dalle notizie frammentarie ricevute dal corrispondente venezuelano, non c’erano clienti nostri!

Avverto Vanna (Resp. Booking sede)  e anche lei si attiva per saperne di più.

Un’ora dopo, un’altra telofonata mi avverte che l’aereo caduto era partito alle 09.15, proprio lo stesso orario del volo in cui era presente una nostra coppia i clienti… vi lascio immaginare lo stato d’animo!

Dopo mezz’ora un’altra telefonata in cui il corrispondente avverte che gli aerei partiti a quell’ora erano 2, uno da caracas per gran roque e uno da gran roque per caracas…i nostri erano in quest’ultimo, di ritorno dalla vacanza!

A questo punto, quale era caduto? Il primo o il secondo?

Alle 22.00 un’altra telefonata del corrispondente ci dice che nella lista dei dispersi non c’erano i nomi dei nostri…ma avvisandoci anche che in venezuela la precisione non è un loro punto forte!

Sabina Galfrè (la Promotrice della coppia di ritorno dal venezuela) e sandra chiamano al cellulare gli altri nostri clienti in venezuela che si stanno spostando con gli aerei in quei momenti, li trovano tutti, a parte la coppia in questione, il cui cellulare da “irragiungibile”…

Alle 23.00 escono i nomi, i nostri clienti non ci sono e tiro un sospiro i sollievo….per quel che conta…infatti, anche se non sono nostri clienti, ci sono comunque delle persone disperse. Fra queste una famiglia intera di treviso (genitori più due bambine piccole), due donne di Bologna e due uomini: vedi link 

Tutt’ora le ricerche non hanno avuto esito positivo e anche se le speranze sono molto poche si spera sempre; siamo tutti vicini ai loro familiari!

Forum Pubblico Evolution Travel

5 minuti fa ero dentro al nostro forum aperto al pubblico e notavo come sta avendo sempre più successo di partecipazione e coinvolgimento da parte di moltissime persone del pubblico, fra cui ovviamente anche nostri clienti e mi ha molto colpito questo post di MIKI27 (clicca qui) che appena mollatosi con la sua ragazza, per non perdere il viaggio già acquistato con partenza 28 luglio per le Maldive, cosa fa? Scrive nel nostro forum e riceve subito due candidature, Veronica e Alice anche loro libere e disponibili per il viaggo alle maldive!

Che bellezza questa velocità di contatto e relazione grazie al web! Speriamo che MIKI27 e la compagna di viaggio prescelta, magari tutte due 🙂 ci facciano sapere com’è andato il viaggio, al loro ritorno, dopo il 2 agosto. Intanto BUONA VACANZA! 🙂

Quanto conta l’ambiente in cui telelavori?

Moltissimo direi e, riferendomi in particolare all’attività di Promotore Evolution Travel, diventa di fondamentale importanza applicare alcune semplici regole:

  1. Trova un postoall’interno della tua casa che dia un senso di tranquillità, sicurezza, concentrazione e allestiscilo come una vera e propria agenzia di viaggi! Lo scopo non è convincere i potenziali clienti, che tanto non ti vedono a meno che non si usi la webcam (cosa consigliata e allora ti crei uno “sfondo” ad hoc), ma piuttosto di convincere te stesso che stai lavorando fisicamente in una vera e propria agenzia di viaggi cioè nella sede Evolution Travel, piuttosto che da casa! Questo aiuta a focalizzarsi bene sull’attività!
  2. Quando ti alzi la mattina, preparati, vestiti come se dovessi andare realmente in agenzia.Esci da casa, fai un giro dell’isolato o una passeggiata di 10 minuti, torna a casa, vai dritto nel tuo ambiente lavorativo e comincia a lavorare senza indugi!
  3. Stabilisci in anticipo quanto tempo vuoi dedicare alla sessione di lavoro, la durata delle pause e quando le vuoi fare! Rispetta gli orari! Più riesci ad essere autodisciplinato e più risultati otterrai!
  4. Apri tutti i collegamenti con la sede, i colleghi del network, tramite la chat, skype, forum e tutti gli altri strumenti che ti permetto di avere al tuo fianco, anche se virtualmente, decine di persone che svolgono la tua stessa attività e che rappresentano una fonte inesauribile di informazioni, utili allo svolgimento corretto e professionale della tua attività! Arriverai al punto di non notare la distanza fisica, sembrerà di essere tutti nella tua stanza!
  5. Elimina dall’ambiente di lavoro qualsiasi elemento di disturbo e assicurati di isolarti dal resto della casa!
  6. Circondati di elementi positivi per la tua attività, come ad esempio poster di viaggi, cataloghi, riviste del settore, immagini di vacanze e viaggi, souvenir di luoghi visitati, ecc…!
  7. L’ambiente è formato anche da persone, quindi circondati di colleghi propositivi e positivi, di colleghi che hanno risultati concreti! Evita come la peste i vampiri di energia, cioè quelli che si lamentano di tutto e di tutti! Segui il tuo gruppo dei pari…su questo ci ho dedicato un intero articolo, clicca qui per leggerlo! Fra queste persone ci sono anche i familiari e, se ti assecondano, rappresentano una forte energia propulsiva. Se, invece, anche solo uno dei tuoi familiari è contrario alla tua attività, sarà un enorme ostacolo emotivo al raggiungimento dei tuoi obiettivi; è bene essere consapevoli di questo!Uno dei segreti per avere successo, lavorando da casa, è quello di riuscire ad essere autodisciplinati ed acquisire delle nuove abitudini legate alla propria attività!

Occhio però, perchè cambiare abitudini è una delle cose più difficili da fare se non si è consapevoli che molte delle nostre attività quotidiane sono abitudinarie e profondamente radicate negli anni, a tal punto da essere diventate automatiche!

Quindi, affrontare una nuova attività significa anche cambiare le proprie abitudini e queste sono strettamente legate ai nostri risultati! Più precisamente le abitudini generano i comportamenti che a loro volta generano le azioni, le quali determinano i risultati che otteniamo!

Quali sono le abitudini, legate all’attività, che consideri improduttive e quali sono, invece, quelle vincenti?

Cosa puoi fare per mantenere e sviluppare ancora di più le abitudini vincenti?

Evolution Travel, Facebook, Social Network…

…cos’hanno in comune?

Semplice, la capacità e voglia di relazionarsi con gli altri! Evolution Travel rappresenta di per sè un Social Network turistico, nato 8 anni fa! Una rete di Promotori turistici, ma inanzi tutto persone, colleghi, conoscenti, amici e clienti che quotidianamente si contattano e si relazionano online in internet!

Oggi esistono strumenti potentissimi, come Facebook, Xing, ecc.. che favoriscono e moltiplicano le relazioni fra persone e le collegano in tempo reale in ogni parte del mondo!

Esistono Social Network generici e altri dedicati a specifici argomenti! Io per creare la mia rete online di conoscenze e amicizie ho scelto Facebook , se vogliamo diventare amici, clicca qui , registrati, studia un po’ il sistema, inserisci un po’ di tuoi dati e foto, tanto è semplice, facile, veloce e cercami digitando “Luca Baldisserotto”!

ciao a presto! 🙂

Vale più un cliente nuovo o un cliente fidelizzato?

Sicuramente un cliente fidelizzato, non ci vuole molto a capirlo: ha un costo pari a zero di acquisizione e genera redditività più volte nell’arco dell’anno, poichè viaggia quasi sempre più di una volta!

E’, invece, difficile capire o meglio essere consapevoli che avere un cliente fidelizzato vuol dire  investirci tempo e attenzioni, ma allora perchè pochissimi lo fanno?

Ci sono vari motivi, ne ho individuati e verificati alcuni, eccoli:

  • Il web genera talmente tanti contatti del pubblico che ci si dimentica facilmente i clienti già acquisiti per mancanza di tempo, con il risultato di trascurarli e indurli a rivolgersi altrove.
  • Si è convinti che i clienti non siano fedeli, in realtà è stata la nostra consulenza a non essere stata all’altezza, pur avendo fatto la vendita e questo li induce a cercare altrove chi possa capire meglio le proprie esigenze e i propri bisogni da soddisfare
  • Non riusciamo ad instaurare un buon feeling su cui far poggiare una  relazione che possa durare nel tempo
  • Nonostante ci sia un’ottima relazione, i clienti ci osservano sempre con la “coda dell’occhio”! In un mercato affollato come il nostro, verificano ogni tanto o sempre la nostra proposta con altre e basta toppare anche una sola volta, con una consulenza non perfetta, che il cliente è perso per sempre, perchè si sente tradito

, è il primo, poichè crea altri danni! Ebbene sì, l’abbondanza di richieste abbassa notevolmente la percentuale di chiusura delle vendite (questo vale anche per i Promotori Evolution Travel più bravi)

, poichè la foga di seguirle tutte, “costringe” ad un lavoro più veloce, quindi più superficiale! Addirittura non ci si cura nemmeno della relazione, non si chiama al telefono il cliente per fare una corretta racolta informazioni, ma si mandano via preventivi a raffica, confidando sui numeri! Una rincorsa forsennata, quasi ipnotica che non lascia il tempo di pensare. Figurarsi, poi, se c’è il tempo di lavorare sulla fidelizzazione dei clienti già acquisiti!
Questo poblema verrà in parte risolto con l’implementazione al software di gestione richieste, già descritto in questo mio aticolo (clicca qui).

Per gli altri punti basta lavorarci con consapevolezza

e seguire una delle tante nostre sessioni formative, al fine di capitalizzare il vero patrimonio personale, ossia la fidelizzazione del proprio portafoglio clienti, considerandolo una fonte inesauribile di redditività e soddisfazione personale!

Internet come ha influenzato l’evoluzione dell’Agenzia di Viaggio e Tour Operator in Italia?

L’avvento di  e il  , ha segnato, a partire dalla caduta del muro di Berlino, l’inizio di una nuova era, quella dell’informazione, in cui ogni individuo dotato di un pc e collegato alla rete, situato in un punto qualsiasi del pianeta, può diventare protagonista dell’evoluzione economica, politica e sociale, avendo a disposizione qualisiasi informazione utile a diventarlo, oltre che ad avere gli strumenti per agire!

Il mondo del turismo è stato investito in pieno da questa nuova invenzione ed è uno dei settori economici più esposti alle problematiche legate a questo rapido cambiamento o viceversa è uno dei settori che più può beneficiare delle enormi possibilità di sviluppo legate al Web! Ovviamente dipende da come si vogliono vedere le cose e dall’atteggiamento con il quale le si affrontano! Personalmente, poichè mi risulta più utile, preferisco vedere in ogni cambiamento delle grosse opportunità di crescita!

Per capire in cosa può esserci utile il Web, dobbiamo essere ben consapevoli che si tratta di uno strumento, eccezionale, ma comunque sempre di uno strumento si tratta! Dipende da noi renderlo funzionale o meno all’ottenimento dei nostri obiettivi. Eh sì…perchè ancora oggi, ci sono ancora molte persone che pensano che un sito internet sia una macchina che fa soldi da sola e che i viaggi si vendano automaticamente, così come si pensa che basta aprire un’agenzia di viaggio per vedere entrare i clienti dalla porta…niente di più falso!

D’altra parte, questa illusione è stata alimentata, soprattutto alla fine degli anni ’90 dalle promesse/minacce di un Bill Gates che con il suo Expedia promettava l’eliminazione di tutte le agenzie di viaggio, grazie al rapporto diretto che i clienti potevano avere col suo sito, ossia il suo negozio eletronico!

Bene, a distanza di 10 anni, non si è avverato completamente ciò che Bill sperava e Expedia, come altri operatori tipo Easy Market, Edreams e altri, hanno stretto accordi con le agenzie di viaggio per fornire i loro strumenti di prenotazione!

Perchè dico che non si è avverato completamete il sogno di Bill gates? Perchè, per quanto riguarda biglietteria aerea, hotel, week end, insomma prodotti “semplici” da “scaffale”, la profezia si è avverata: se fossero solo questi i prodotti turistici, le agenzie di viaggio avrebbero chiuso, poichè la redditività è stata ridotta all’osso e i sistemi di prenotazione sono stati resi disponibili, in modo facile, direttamente al pubblico!

Infatti se andiamo a vedere l’Home page di Expedia, Edreams, Lastminute, i prodotti principalmente pubblicizzati sono gli Hotel e voli aerei ed effettivamente, su questo, fanno enormi volumi di vendita, impensabili per qualsiasi altra Agenzia Viaggi tradizionale. Mentre per pacchetti

“complessi”, come ad esempio un viaggio alle Maldive piuttosto che un safari in Namibia, le vendite dirette dal sito sono pressochè inesistenti, nonostante ci siano moltissime richieste d’informazioni da parte del pubblico! Oppure riescono a venderli, ma solo tramite le agenzie di viaggio, alle quali girano le richieste: in altre parole è indispensabile l’intervento umano e anche di quelli esperti e preparati!

Infatti, finchè si tratta di prenotare un hotel, le cose da sapere non sono molte, chiunque è stato in un Hotel almeno una volta, quindi prenotare da soli risulta facile, basta avere le idee chiare sulla città dove si vuole andare e sul numero di stelle dell’albergo! Da qui il successo di Venere.com, ITWG, ecc.. Per i voli è la stessa cosa, il prodotto è semplice e prenotarlo pure, basta vedere l’evoluzione incredibile delle compagnie low cost, fra tutte Rjanair (ovviamnete eistono delle eccezioni, per le quali, tipo voli complessi con più scali, richiedono esperti del settore)!

Quindi, dico a tutti gli operatori del settore e a coloro che vogliono diventarlo, niente paura, il web dev’essere visto come uno strumento al nostro servizio, non il contrario e chiuque lo può usare!

Quando ci si renderà conto che il web è uno srumento utile almeno quanto il telefono e il fax, allora molti faranno il salto di qualità e vorranno apprendere come usarlo!

Provate a pensare come potrebbe essere il vostro lavoro senza il telefono, ci riuscireste? Ecco, per il Web è la stessa cosa e il fatto che sia uno strumento nuovo, fra l’altro molto più utile del telefono e fax, grazie alle sue innumerevoli funzioni (grazie ad esso si può anche telefonare gratis), non deve bloccarci, ma spronarci a capire come sfruttarlo al meglio, senza delegare ciò a terzi, ma facendolo di persona!

Questo fa veramente la differenza, ossia è fondamentale apprendere in prima persona una serie di concetti, meccanismi e solo dopo, eventualmente, delegare parte del lavoro legato al web a società o professionisti esterni!
Questo perchè , se non capiamo lo strumento, non crederemo nemmeno possa esserci utile e non faremo alcuna azione! Al contrario, se crediamo sia utile, ma non capiamo come funziona, ci sono buone probabilità che la fuori qualcuno sia pronto ad approfittarsene o più semplicemente che sia un esperto improvvisato!

Voi siete disposti a lasciare la responsabilità dei vostri risultati completamente in mano agli altri?

Essendomi inventato il modello Evolution Travel, del tutto innovativo sul mercato turistico italiano, ogni tanto mi invitano a parlare dell’evoluzione delle agenzie di viaggio, grazie al web, sia Università che fiere di settore in cui si organizzano dei convegni ad hoc. Questo mi lusinga molto e mi fa piacere e la domanda che più mi faccio, prima di ogni evento è: Cosa posso dire ai colleghi di settore che possano aiutarli da subito a fare delle scelte verso il web?

Ecco, ultimamente, mi sono reso conto che è inutile parlare tanto di aspetti tecnici, spiegare come si fanno gli AdWords di Google (), piuttosto sul come si usa , ma mi piace ascoltare cosa li blocca e cosa serve loro per iniziare la strada verso questo indispensabile strumento!

Internet sta cambiando lo stile di vita di centinaia di milioni di persone, di tutti noi, così come sta cambiando i processi economici: molte realtà ne resteranno sopraffatte, molte altre si trasformeranno, altre nasceranno dal nulla.

Se vogliamo, nei secoli di evoluzione dell’uomo con le sue invenzioni, è sempre stato così, solo che, porca miseria (perchè non so se sia un bene o un male), l’evoluzione negli ultimi 10 anni è avvenuta alla velocità della luce, i cambiamenti sono all’ordine dell giorno, il mondo di 2 anni fa non è lo stesso di oggi e fra 6 mesi ci saranno stati molti più cambiamenti che nell’intero ultimo anno! Un esempio che nulla centra col turismo, ma che è esemplare, sulla velocità del cambiamento è rappresentato dalla catena Blockbuster, nata qualche anno fa, oggi sta chiudendo centinaia di negozi, poichè i clienti trovano più comodo acquistare e scaricare via web!

A che punto siamo oggi nell’evoluzione distributiva turistica, grazie al Web?

Oggi la parola d’ordine è “multicanalità”,

ossia i Tour Operator, soprattutto quelli medio piccoli, affiancano al canale Agenzie, anche quello diretto al pubblico tramite il web. Le Web company affiancano al canale internet, quello delle Agenzie o Call Center, poichè è necessaria una figura umana e professionale per riuscire a vendere la maggior parte dei prodotti. Le agenzie di viaggio, non possono più contare solo sulla propria vetrina, ma devono aumentare la loro visibilità affiancando una vetrina internet: non solo, ma si scoprono anche Tour Organizer e costruiscono prodotti ad hoc per i clienti, grazie alle innumerevoli informazioni contenute nel web, saltando di fatto, in molte occasioni, i TO! Le strutture turistiche passano tramite i T.O, le agenzie, le Web company e affiancano a tutto questo il canale web per un approccio diretto al pubblico!

E in tutto questo come sta evolvendo il criterio d’acquisto del cliente?

I “fai da te” in Italia, cioè coloro che si trovano il biglietto aereo, gli alloggi sul posto, servizi vari e se li assemblano, sono ancora molto pochi: comuque non rappresenteranno mai un problema per gli operatori, nemmeno negli USA, poichè farlo rappresenta di per sè un vero e proprio lavoro con energia e tempo da investire! Attualmente una parte consistente del pubblico preferisce consultare il web e comprare in Agenzia e continuare, poi nel 70% dei casi, con la stessa un rapporto telefonico e/o via email!
Un’altra parte, in continua crescita , consulta e acquista direttamente dal sito, senza nemmeno andare in agenzia: questo accade quando il sito offre al pubblico la possibilità di contattare direttamente una persona in carne e ossa, tramite il telefono, skype, chat, email, istant messanger. Ed è proprio su questa ultima tipologia di clientela, in aumento esponenziale, che si basa la nascita e l’evoluzione del modello Evolution Travel, in cui il pubblico può contattare ed essere assistito in tempo reale da persone vere, preparate e in grado di ascoltare e capire le proprie esigenze, al fine di trovare la miglior proposta turistica, anche costruita e confezionata su misura!

Il modello nasce anche per un altro fondamentale motivo, ossia diminuire drasticamente i costi di gestione di un’agenzia fisica, infatti i circa 200 Promotori Evolution Travel, grazie alla tecnologia web, svolgono la loro attività senza aver aperto un’agenzia fisica e subirne i costi, ma appoggiandosi direttamente alla sede e lavorando tranquillamente da casa o da qualsiasi posto desiderino, anche dall’estero.
Modelli Stile Evolution Travel esistono da tempo in Inghilterra e negli USA con circa 50.000 i Promotori/Consulenti turistici! In Francia una delle realtà web più importanti è quella fondata negli anni ’90 da Jean Pascal Siméon praticamente un’agenzia viaggi con anche dei propri prodotti come TO che vende direttamente al pubblico via web, grazie ad un call center con oltre 100 persone, aperto 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno!
Realtà come quella francese, stanno nascendo in Italia da parte di alcuni importanti TO che vogliono costruire dei veri e propri Call Center diretti, per supportare la domanda del pubblico via internet.

Concludendo, tutto ciò che ho scritto sino ad ora sarà l’impostazione che proporrò ai prossimi convegni del 2008 dove sono stato invitato, No Frills di Bergamo e Globe di Roma, cercando di dare, nei limiti delle mie capacità, dei suggerimenti pratici agli operatori che interverranno, affinchè possano inizare concretamente da subito a fare qualcosa con l’aiuto, ormai imprescindibile del web!

A tal fine indico agli operatori turistici i primi 5 passi da fare per affrontare il web:

  1. capire quali prodotti si vuole vendere e puntare al massimo su 2 o 3
  2. preparare un impianto web che rappresenti una pagina vendita efficace, chiara e interattiva.
  3. studiare il sistema degli AdWords di Google per dare la visibilità voluta
  4. fare un corso vendita telefonica perchè vendere via web, vuol dire vendere al telefono ed è ben diverso dal vendere di persona in agenzia.
  5. armarsi di tanta buona volontà e cominciare a studiare in prima persona come mettere in atto i punti 2,3,4 e lo stesso 5!!

Buon lavoro e ricordiamoci che si può fare qualsiasi cosa, qualsiasi viaggio e tutti cominciano con il primo passo!

Quota adeguamento carburante: legittima oppure no?

Nonostante sia una responsabilità dei Tour Operator, mi sento a disagio, provo frustazione e rabbia ogni qualvolta dobbiamo chiedere al cliente la quota adeguamento carburante….il quale si vede arrivare fra capo e collo, a volte anche cifre pesanti! E’una pratica legittima da parte dei TO? Legittimita da chi? Qual è il criterio di calcolo? Ne esiste uno riconosciuto, uguale per tutti? la posizione di Fiavet? E quella dell’Astoi? Perchè, noi agenzie, dobbiamo fare gli esattori di quella che, buona parte delle volte, risulta essere una “stecca”?

Fatto in questo modo, a me sembra un comportamento del tutto illegittimo e pretestuoso per chiedere più soldi ai clienti, fra l’altro in modo arbitrario (se non esiste un criterio trasparente). Qualcuno la considera adirittura una truffa! Capisco che i TO inseriscano (in piccolo) la clausola che avverte il cliente di un possibile adeguamento del prezzo del carburante, ma se il prezzo del petrolio raddoppia, il cliente paga il doppio, senza poter rinunciare all’acquisto? A me sembra una clausola vessatoria! Ragionando in modo diverso, potrebbe andar bene la quota adeguamento carburante (effetivamente il costo del petrolio aumenta), purchè ci sia un criterio oggettivo, accessibile facilmente al pubblico e controllabile! Così come per l’adeguamento del cambio valutario che oltre a salire, può anche scendere e tutti possono consultare il cambio ufficialmente riconosciuto! Ma CHI stabilirà un criterio ufficiale e legittimo? E’ giusto oppure no richiedere la quota adeguamento carburante?   Voi che ne pensate?

Dalla Cina con furore…

…magari furore no, ma entusiasmo si!!! II viaggio che stiamo per finire in Cina (mentre scrivo siamo in aereo a 6 ore da Roma) ci ha colpito positivamente, entusiasmato molto! Abbiamo visto una realtà diversa da quella che ci immaginavamo: la Cina è molto, ma molto avanti

e la sua velocità di modernizzazione è impressionante!Noi siamo stati a Pechinoe visitato la provincia di Ubei, con visita alla città di Whuan, in occasione della prima fiera sul turismo da loro organizzata: siamo stati invitati e ospitati appunto per questo motivo dal governo cinese, tramite l’amico Alberto Giuliano titolare del TO AG Vacanze, specializzato sui viaggi in Cina, col quale collaboriamo e che ringraziamo per l’opportunità! Abbiamo poi fatto 3 giorni di crociera sul fiume azzurro con varie escusrsioni giornaliere a musei e parchi natural!

Le città cinesi sono ormai come le città americane, piene di grattacieli, palazzi modernissimi, dotati di tutte le tecnologie moderne, schermi giganti ovunque: i bus cittadini, hanno tutti monitr piatti per le ultime news, meteo, ecc…Insomma città veramente moderne e costruite alla velocità dela luce…5-6 anni fa non esisteva nulla di tutto ciò e le prossime olimpiadi hanno dato una spinta ulteriore!

La Cina con il suo miliardo e trecento milioni di abitanti ha bisogno di costruire strutture come negli USA, ma con la differenza che deve moltiplicare tutto per 3 o 4 volte, per riuscire a far fronte al numero dei propri abitanti. Basti pensare che il nuvo primato di uno shopping mall

va appunto alla Cina, con la costruzione a Pechino del centro Yin Yuan: 650.000 metri quadri, 20.000 dipendenti fissi, nelle giornate di maggior affluenza sono ben 400.000 i visitatori (quanto due città intere come Bolgna e Firenze), contiene oltre 1.000 esercizi commerciali, ben duecento ristoranti, cinema, discoteche, ecc… aperti 7 giorni su 7, 24 ore su 24!

NOTIZIONA: In Cina non esistono agenzie di viaggio fisiche, ma solo Promotori di viaggio online!!!🙂

Sapere che un paese all’inizio del suo boom economico, scelga questa formula, la dice lunga sul futuro del mercato turistico!!!

Il traffico è un vero e proprio problema….altro che biciclette (nemmeno l’ombra o quasi), ogni giorno sulla sola Pechino vengono immesse nuove mille automobili, gli ingorghi sono all’ordine del giorno, l’educazione stradale insesistente e la cosa che più mi ha colpito è che le auto hanno la precedenza sui pedoni!!! Avete capito bene, le strisce e i semafori pedonali non hanno alcun valore, attraversare è ogni volta un’avvnetura…ci sia avvia camminando lentamente (importante no fare variazioni di velocità) e si affronta corsia dopo corsia, fermandosi nel mezzo metro di spazio fra l’una e l’altra, lasciandosi sfrecciare le auto davanti e dietro.

Certo, c’è poi il contrasto con la campagna, in cui il tempo si è fermato a migliaia di anni fa, buoi e aratro li vedi ovunque!
Fantastica la città proibità, il Tempio del Cielo!

La cina, in questo momento, ma penso anche nei prossimi 10 anni, ha e avrà un flusso turistico incredibile, le strade, i musei, le strutture alberghiere e commerciali erano piene zeppe di tirusti, ma sapete qual’è la particolarità? Che sono praticamente tutti cinesi!! Infatti c’è un incredibile flusso interno di turismo da parte degli stessi cinesi che ora sono liberi e curiosi di girare e conoscere la propria nazione! 

La velocità di crescita non consente un’adeguata formazione/educazione personale dei cinesi che non sono in grado di gestire il tiutto secondo gli standard europei e americani, ma è perfettamente naturale, è solo questione di tempo, riusciranno anche in questo.

Le ragazze cinesi sono amabilissime, simpatiche, belle, affabili,  molto a modo, rispettose, mentre i maschi sono (nella buona parte dei casi) dei veri e propri buzzurri, brutti e non prorio dei gentlemen!

So che la cucina cinese ha tradizioni millenarie, ma non avevo idea dell’altissimo livello qualitativo e della varietà dei piatti: abbiamo praticamente mangiato benissimo

ovunque..e chi mi conosce, sa che me ne intendo! 🙂   Abbiamo avuto anche la fortuna, grazie ad Alberto e alle guide cinesi, di andare in ristoranti solo per cinesi (fantastici): ieri sera siamo stati nel miglior ristorante di Pechino, specializzato nell’anatara pechinese (laccata), ECCEZIONALE!!!! 🙂

I cinesi (in gara con gli indiani, che sono la bellezza di un miliardo), hanno tutte le carte in regola per divemtare, nei prossimi 20 anni

mi sono fatto un’idea, ma dopo aver visitato la Cina mi sono veramente reso conto che è tutto vero!!

Vedremo come evolverà la situazione politica, in Cina il potere è in mano al partito, il quale è in mano ai militari. Certo lasciano via libera all’imprenditoria, ma sotto il loro controllo a distanza e i nuovi ricchi (milioni di persone, in aumento costante) non sanno mai se il giorno dopo gli sarà permesso di esserlo ancora!

Sicuramente tornerò presto in Cina, perchè ho ancora molto da vedere, è una nazione che mi affascina e che consiglio a tutti di visitare!

Un grazie anche a Giancarlo Vetrugno, Promotore Evolution Travel di Riferimento sul prodotto Cina che mi ha permesso di conoscere Alberto Giuliano di AG Vacanze!

P.S.
luendi metto online, sempre su questo articolo, un link ad un po’ di minivideo girati dal mio cellulare

Quale può essere un ostacolo alla nostra attività?

Ho notato che uno di motivi che a volte limita il successo di un Promotore, non è a livello dell’ambiente in cui svolge l’attività, di azioni, di tempo dedicato o di capacità, ma dipende da un inconsapevole contrasto di valori legato alla propria identità!

Già in un altro articolo (clicca qui) ho parlato del concetto di identità, ora voglio approfondirlo, parlando di alcuni valori collegati, cioè di cosa vale di più per un professionista (Promotore), rispetto a un dipendente! Premetto che nel mondo del lavoro esistono 4 figure/identità: dipendente, professionista, imprenditore e investitore e che la figura del Promotore Evolution Travel abbraccia le ultime 3, partendo di base da quella del professionista!

Quali sono le difficoltà che una persona incontra per passare da un’identità all’altra?

E in particolar modo quali sono le difficoltà, che incontra un dipendente quando vuole diventare un Professionista?

Poichè, di coloro i quali vogliono diventare Promotori Evolution Travel, una buona parte ha una posizione lavorativa dipendente, l’obiettivo di questo mio articolo è di essere loro d’aiuto nel farlo nel migliore dei modi, aumentando la consapevolezza sui meccanismi legati ai valori e all’identità, determinanti per raggiungere il successo voluto!
Per quanto mi riguarda la principale difficoltà è quella di essere consapevoli delle differenze e dei concetti che regolano le 4 figure e sapere bene cosa vale di più per se stessi, cioè i propri valori principali!

Dipendente:

Il primo valoreche cerca in assoluto è quello della sicurezza!

C’è difficoltà o incapacità nel gestire lo stato d’animo di fronte al rischio, alla paura di perdere soldi e fallire. Di solito il termine “paura” viene usato in risposta alla sensazione di paura, quindi non a qualcosa di veramente concreto, ma a senzazioni prodotte, il più delle volte, da pure e semplici presupposizioni, quasi sempre infondate e che mai si avverano: questo è sufficiente per tenere bloccate molte persone! La felicità deriva principalmente dal bisogno di certezza e non dall’insicurezza!

Anche per le altre figure c’è la stessa paura, ma viene affrontata in modo diverso!
E’ più importante l’idea, la sensazione di certezza, rispetto al denaro, anche se ci sono dipendenti che guadagnano molti più soldi di molti imprenditori: basta vedere cosa percepiscono certi AD di grosse società e non solo!

Questi valori possono essere così profondi e radicati

da venir trasmessi da generazione in generazione…mai sentito delle frasi tipo “Cercati un posto fisso, sicuro, ben pagato, magari in banca o in posta, così sei a posto per tutta la vita!” oppure “Hai visto quello che vergogna, è fallito, al giorno d’oggi è meglio non rischiare!”. I telegiornali, la stampa, la radio bombardano la mente delle persone, sfornando ogni giorno il peggio del peggio. Notizie del tipo “Ditta fallita…Crack finanziario…Guardia di finanza passa al setaccio (magari è un normale controllo)… Denunciati per frode fiscale (magari, poi risulta tutto infondato)….Scoppia incendio, distrutto negozio vittima del pizzo….ecc…

Sono pochissime le volte che vengono date notizie positive, sono quasi sempre negative!

La scuola, poi, certo non aiuta, poiché il sistema d’insegnamento si basa sull’evidenziare e punire gli errori  (ve li ricordate i segni rossi della biro che sottolineavano gli errori? Sembravano frustate su quel foglio bianco), piuttosto che premiare le cosa ben fatte. E poi ciò che viene insegnato a scuola sono solo abilità tecniche: per avere successo, in qualsiasi ambito della propria vita, ci vuole ben altro!!

Oggi le aziende considerano le abilità tecniche come dovute, le danno per scontate, quello che, invece, richiedono sono doti relazionali, di leadership e tutto ciò a scuola non viene insegnato!

Vi assicuro che tutto ciò

arriva e influenza profondamente la nostra identità, i nostri valori e di conseguenza quello che vogliamo fare e che ci sentiamo di fare!
Va da sé che molti preferiscono, anche inconsciamente, la “sicurezza” del posto fisso! Meno guadagno, ma meno rischio e più sicurezza!

Professionista o lavoratore autonomo:

Qui sono presenti i professionisti: promotori turistici, medici, avvocati, commercialisti, elettricisti, ecc…il cui valore principale è rappresentato dalla libertà finanziaria, individuale e vogliono essere il capo di loro stessi! Vogliono che il loro reddito non dipenda da altri se non da loro medesimi!

La loro qualità di vita è direttamente proporzionale alla capacità di gestire lo stato d’incertezza!

Combattono la paura di rimanere senza soldi, non cercando la sicurezza fornita da altri, ma cercandola assumendo il controllo diretto di ciò che fanno, assumendosi la responsabilità delle proprie azioni e quindi dei propri risultati! Sono dei “fai da te” eccezionali e sono abituati a prendere il toro per le corna!

L’indipendenza e la libertà di fare le cose, sono molto più importanti del semplice denaro. Queste figure pensano che nessun altro al di fuori di loro siano in grado fare ciò che fanno: di solito hanno difficoltà a trovare collaboratori, perché ritengono che nessuno sia alla loro altezza o credono che una volta trovati e formati, diventino dei concorrenti!

E’ per questo che consigliamo sempre, a chi vuole diventare Promotore Evolution Travel (ma ovviamente vale per qualsiasi altra professione) che la miglior cosa è esserne perfettamente consapevoli e visto che il nostro modello permette una certa flessibilità lavorativa, è meglio mantenere (per chi è dipendente) almeno un part time a stipendio fisso, per conservare quella sicurezza di cui si ha bisogno per svolgere un’attività in cui è determinante la tranquillità, determinazione, entusiasmo, coraggio e intraprendenza!

Molti hanno iniziato in questo modo e col passare del tempo, acquisendo sicurezza di risultati, hanno chiuso definitivamente la posizione dipendente, per diventare Promotori Evolution Travel professionisti full time con successo!

Il modello Evolution Travel offre, quindi, anche questo vantaggio, ossia di passare da un’identità all’altra, anche gradualmente: cosa ben diversa se si dovesse gestire un negozio fisico, in questo caso il passaggio deve essere immediato, con tutti i relativi rischi!

Le altre due figure, imprenditore e investitore, nel nostro Network, rispecchiano la figura del Prg (Promtore di riferimento di gruppo) e del Prp (Promotore di riferimento prodotti), ma ne parlo in un altro articolo, altrimenti questo diventa troppo lungo! 🙂

Nel frattempo vi consiglio vivamente la lettura di questo libro, “I 4 Quadranti del Cashflow” di Robert Kiyosaki  che ben spiega questi meccanismi, anzi direi assolutamente da leggere per chiunque voglia fare dei passi in avanti, con la consapevolezza che serve, al fine di ottenere ciò che  vuole veramente!