Evolution Travel sarà tokenizzata?

Oggi una società piuttosto che andare in Borsa per diventare una società per azioni, può decidere di frazionare il suo capitale in token e immetterli in un exchange, dove vedrà il suo valore aumentare o diminuire.

Siamo ancora in piena fase di regolamentazione legislativa, anche se alcune nazioni come la Svizzera ha emanato la Legge che regola l’emissione dei token. Malta seguirà subito a ruota.

Un token crittografico, scrive testualmente in questo interessantissimo articolo l’Avvocato Andrea Bianconi, non è altro che la reppresentazione digitale, di un bene, di un diritto, di un dato o di un valore monetario, che viene memorizzato su una blockchain e trasferito usando la crittografia a chiave pubblica/privata.

Evolution Travel, dopo 20 anni, vuole diventare una società per azioni, per garantire la propria longevità, ma sta valutando la tokenizzazione, che permetterebbe di ottenere lo stesso risultato con molta meno burocrazia e in modo molto più veloce e semplice nella gestione dei titoli.

Al momento si sta aspettando un minimo di storico su questa nuova modalità, per capire quale sia la scelta migliore.

Certo è che un pezzetto di Evolution Travel deve poter essere di proprietà di tutti coloro che la compongono, dai Consulenti di Viaggio a chi lavora nel back-end.

Detenere quindi anche una parte del valore comune generato, oltre che a quello personale conseguito giorno dopo giorno.

Questo è il desiderio dei due Fondatori di Evolution Travel, Mioara Dragomir e Luca Baldisserotto.

In attesa di questo passaggio, Evolution Travel continua ad aumentare le proprie vendite a doppia cifra annua ed è molto concentrata sui prossimi passi: introduzione del proprio booking engine, messa in funzione della nuova agenzia online (Intranet), apertura al mercato spagnolo con un accordo con Globalia, uno dei maggior gruppi d’acquisto per il mercato spagnolo.

Se hai domande fammele pure qui sotto nei commenti 🙂

Booking Engine Evolution Travel

Finalmente, dopo 5 anni e mezzo dalla scrittura di questi miei due articoli (uno e due) siamo in grado di sfruttare al massimo la potenza, comodità e velocità dei flussi XML.

Questo grazie all’acquisto del nostro nuovo booking engine e partnership con Juniper.

Leggi i due articoli che ho linkato sopra e capirai come evolveremo la nostra attività di Consulenza turistica online!

Per fine Marzo è prevista la fine del set up e messa online del nostro booking engine, che ci permetterà di avere il nostro primo CRS BtoB dove avremo caricato tutto il nostro prodotto in cui siamo Tour Operator.

Inoltre avremo a disposizione tutto il prodotto delle OLTA su voli, strutture, noleggio auto, attività e quant’altro i flussi XML ci permettano di caricare, per poi essere consultati e usati per fare preventivi in pochi secondi.

Stay tuned! 🙂

Come funziona la programmazione dei prodotti Evolution Travel?

Il cuore della gestione dei prodotti Evolution Travel è gestito da un team di persone capitanato da Carmine Di Meo e giornalmente è a stretto contatto con tutti i Promotori Evolution Travel che si occupano di selezione e costruzione del prodotto.

Vuoi capire come funziona il tutto?

Clicca qui e potrai leggere un intero articolo dal blog di Evolution Travel.

Se hai domande su questo, puoi pure commentare qui sotto 🙂

Come sta andando questo 2019?

Beh, direi molto bene, l’aumento di vendite e redditività è pari a un + 25% medio da inizio anno.


E’ una cosa scontata aumentare sempre i propri risultati e quindi quelli dell’intero Network?


No, non lo è per niente, non bisogna mai adagiarsi, ma spingere sempre!


Potrei dirti che le cose più importanti da non perdere di vista per essere un Consulente di Viaggi al top siano: conoscere e applicare bene le tecniche di vendita, applicare una buona strategia di comunicazione/marketing, conoscere bene la tecnica turistica in modo da poter lavorare in organizzazione, ma oggi mi voglio soffermare su di una cosa anch’essa molto importante, direi fondamentale, ossia la capacità di ricerca del prodotto e di processare correttamente tutte le informazioni.


Sì, sapere cercare il giusto prodotto o i giusti servizi per costruire da zero il prodotto da vendere al proprio cliente, oggi non è più facile come un tempo.


Mi ricordo che vent’anni o anche solo 10 anni fa non c’era l’offerta turistica che c’è oggi e soprattutto non c’era Google  e non c’erano i Social (G esiste dal 1998, ma è solo negli ultimi 10 anni che viene usato in modo massiccio e “intelligente”).


Se lavori in organizzazione devi saper usare molto bene sia google che i social e non in lingua italiana, ma inglese e/o spagnola e non su google.it, ma sul .com e sul .es.


Se non lavori in organizzazione, conosci bene tutti i TO italiani, a partire dai nostri PTO?


Conosci e sai usare uno strumento potentissimo che è la intranet del nostro gruppo d’acquisto Gattinoni con un volume d’affari di 300 milioni di euro


Quest’ultimo strumento devi saperlo usare anche se lavori in organizzazione, perchè i prodotti da prezzo li hanno solo i TO che fanno scommesse finanziarie, vedi vuoto/pieno e accordi particolari coi fornitori dei servizi finali.


Nei giorni scorsi l’uff formazione ha poi spedito un’email in cui elencava i prossimi appuntamenti formativi in Italia dal vivo. Sono veramente molti e tutti di alto livello. 


Approfitta dell’esperienza dei tuoi colleghi con più tempo in ET e con più esperienza sul campo e partecipa al più alto numero possibile di eventi formativi.


Più studi, più informazioni riesci a trovare, che NON siano alla portata dei tuoi clienti, più sarai competitivo e vincente!


Se ci sei anche tu, ci vediamo Sabato prossimo a Barcellona dove erogheremo formazione turistica e premieremo con la consegna degli Oscar i Consulenti ET che più hanno meritato nella stagione 2018/2019.
A presto! 

Innovazioni nel trasporto aereo!

Molto interessante questo articolo su Wired in cui spiega come le compagnie aeree cercano di migliorare l’esperienza del cliente, lavorando su nuovi servizi.

Ad esempio la gestione intelligente dell’over-booking grazie a un sistema predittivo che permette di individuare i passeggeri più propensi a cambiare il volo a fronte di un somma in soldi e lasciando il posto a clienti che invece non sono assolutamente disposti a farlo pur di arrivare puntuali. In questo modo evitando innumerevoli arrabbiature e cause legali.

Oppure un sistema, sempre basato sull’intelligenza artificiale, che apprende da tutti i dati presenti a livello mondiale sui voli e riesce ad esprimere in percentuale il rischio di cancellazione del volo, lasciando al cliente la possibilità di decidere sul da farsi con largo anticipo rispetto al trovarsi in aeroporto col volo cancellato.

Altra innovazione, questa volta banalissima (basta una rete wi-fi) già attuata dalla compagnia finlandese Finnair, sul far dialagare l’equipaggio di bordo via chat e non a voce, per non disturbare i passeggeri.

A breve si potranno pagare gli acquisti a bordo non più con lo scomodo contante o con le lungaggini della carta di credito, ma grazie al proprio profilo registrato dalla compagnia, dove si potrà includere un opzione pagamento che preleverà i soldi in automatico tramite il semplice codice Qr scannerizzato prima e dopo il volo, con relative notifiche dei pagamenti via app.

E molto altro ancora che potrai leggere su questo interessante articolo, che fa notare come l’industria del trasporto aereo appartenga a un settore ormai troppo vecchio a livello procedurale, a livello di prenotazioni, emissione della documentazione di viaggio, che con l’aumentare in modo esponenziale del traffico aereo deve portare alla semplificazione, alla dematerializzazione della documentazione di viaggio incluso il passaporto, insomma a migliorare e di molto l’esperienza del cliente.

Questo è il Network che voglio!

Il miglior network è quello che permette al maggior numero di persone di interconnettersi e collaborare attivamente, al fine di raggiungere il proprio scopo con successo e permettendo a ciascun singolo di sviluppare i propri talenti, le proprie passioni e il proprio ruolo!

 

Non vedo futuro per l’agenzia di viaggi il cui titolare deve essere esperto di tutto (viaggi, Internet, marketing, vendite, contabilità ecc..) e non vedo futuro per i network il cui vertice decide tutto e costringe gli altri a seguirlo in modo passivo. Credo nei network che riescono a sviluppare una piattaforma collaborativa aperta, composta da strumenti, risorse e regole che permettano a ciascuno di collaborare attivamente e in tempo reale per vendere, creare prodotti turistici e/o strategie di marketing, in costante contatto e scambio con gli altri membri della stessa rete! Credo che il singolo avrà sempre meno possibilità di farcela in un mondo, come quello turistico, in cui essere agente di viaggi non significa più essere esperti di una destinazione, ma possedere nozioni di comunicazione, marketing, vendite, Internet, contabilità, aspetti legali, tecnologia ecc… Quindi, dal momento che non si può essere esperti di tutto, la soluzione è l’inserimento in un network che permetta di dare e avere le competenze che servono per sviluppare il proprio sogno nel mondo turistico!

Grazie al web tutto questo è già fattibile e il mondo del turismo è il settore perfetto per trarne i massimi vantaggi!

Colgo l’occasione per porgere i miei più sinceri auguri di Buone Feste e Buon 2009!

Luca Baldisserotto, Evolution Travel

Network News di Roberto Gentile

Network News di Roberto Gentile

 

Libro eccezionale sulla leadership!

Se vuoi sviluppare le tue capacità di guidare te stesso e gli altri, grazie alla capacità di influenza e non a quella data dal ruolo della tua posizione, ti consiglio vivamente di leggere. E’ uno dei migliori libri, se non il migliore fra tutti quelli che ho letto. Sono 20 anni di esperienza e studi di Maxwell, tradotti in un linguaggio semplicissimo, immediato e piendo di esempi pratici riferiti a personaggi famosi. Un capolavoro! Da leggere e rileggere!

🙂

Un Ottobre strepitoso!!

Le borse crollano, ma le vacanze volano!!

Almeno per quanto riguarda il nostro Network, Evolution Travel, l’incremento della vendite di viaggi e vacanze è stato di un ottimo 65%, rispetto a ottobre del 2007! La percentuale di questo mese, alzerà la media annua che si attestava sul 27% d’incremento, rispetto all’anno scorso! Su tale incremento riportavo delle altre considerazioni all’interno di questo articolo, clicca qui!

Agenti di Viaggio abusivi..

… purtroppo si sa, i furbi esistono da sempre e sono un pericolo enorme per i clienti che vanno in vacanza, poichè non offrono le dovute garanzie assicurative, oltre a non essere riconosciuti da alcuna Autorità preposta!

Ci sono colleghi Agenti di Viaggio arrabbiatissimi nei confronti degli abusivi, perchè vedono in loro dei concorrenti in più che sottraggono potenziali vendite e che, quindi, creano un danno economico! Hanno perfettamente ragione, perchè l’abusivo è un ladro
nei confronti dello stato e di chi lavora correttamente! Se fai parte di un’organizzazione, una qualsiasi organizzazione, sia essa lo stato stesso, un’azienda o un Network, devi accettare e condividerne le regole, i diritti e doveri o avere il coraggio di uscirne!

Ad ogni modo, per quanto riguarda il settore del turismo, il problema del danno economico è superato, in gravità, da quello causato al cliente, nel momento in cui acquista da un soggetto non autorizzato, poichè decade qualsiasi copertura assicurativa! Se un cliente durante la vacanza ha qualche problema o peggio ancora si fa male o peggio ancora…, rispondono tutti i soggetti implicati nella fornitura dei servizi, da chi ha fatto la proposta al cliente (abusivo o non), a chi ha organizzato il pacchetto, alla struttura ricettiva, ai responsabili dei servizi collegati! Ovvio che se in questa filiera c’è un abusivo, uno senza titolo, avrà la maggiore responsabilità, sia a livello civile che penale!
La raccomandazione al pubblico è, quindi, quella di verificare sempre da chi si acquista, se il soggetto è in possesso di regolare licenza e di regolare contratto di viaggio da proporre al cliente stesso, in cui tutto è scritto nero su bianco!

Il contratto di viaggio e il relativo pagamento dei servizi dev’essere sempre fatto con l’Agenzia di Viaggio regolarmente autorizzata e con nessun altro. Nel nostro caso, Evolution Travel un Network con oltre 200 Promotori/Consulenti, l’Agenzia di Viaggio è una sola ed unica con sede a Montegrotto Terme (PD) e i dati identificativi sono riportati su tutti gli oltre 200 siti internet affidati ai vari Promotori Evolution Travel!
Invito il pubblico e i nostri stessi Promotori

Evolution Travel a segnalarmi eventuali irregolarità, al fine di denunciare alle Autorità preposte, eventuali comportamenti illeciti!
La forza del nostro Network
è che ogni Promotore Evolution Travel si fa garante di questi valori e principi di serietà, lealtà, trasparenza e onestà
nei confronti del soggetto più importante, cioè del cliente finale, il quale ci affida se stesso e i suoi cari per trascorrere in sicurezza e tranquillità le proprie meritate e sospirate vacanze!!

Che cos’è il pettegolezzo e perchè esiste?

Credo che Il pettegolezzo sia, nella maggior parte dei casi una conversazione negativa
fra soggetti privi di senso critico e fra loro compiacenti!

I pettegolezzi sono storielle, dicerie, basate e supportate da passaparola incessanti, che ne storpiano di volta in volta il contenuto, a seconda dello stato emotivo, della loquacità e fantasia del pettegolo o pettegola di turno. Per capire se si tratta di una pura verità o di pettegolezzi, basta fare qualche domanda specifica sulla fonte della notizia e si capisce subito se sta in piedi, supportata da prove inconfutabili oppure no, ma per qualche misteriosa ragione, buona parte delle persone non pone queste domande e si abbandona ad una serie interminabile di dicerie!

I pettegoli preferiscono continuare a fantasticare e a riportare, magari ricamandoci un po’, notizie che in realtà non offrono vere informazioni! Per la maggior parte, sono solo conversazioni negative. Perchè lo fanno? Che bisogno soddisfano? Di attenzione? Importanza? Relazione?

Mah..so solo che in tutte le organizzazioni esistono i pettegoli e, fino ad un certo punto, sono anche divertenti perchè ci si ride su, ma quando diventano insistenti, ripetitivi, seri e anche con un certo grado di cattiveria, la cosa si fa antipatica e altamente negativa! Passare dal pettegolezzo alla diffamazione, il passo è breve! Con il pettegolezzo organizzato ad hoc e continuo, si possono demolire persone ed organizzazioni. Basta vedere i politici in tv o sui giornali, non fanno altro che spettegolare gli uni degli altri e sono coinvolti in questa interminabile spirale, poichè chi non controbatte sembra dalla parte del torto! Il fatto è che parlare con un idiota per lungo tempo crea un problema, cioè poi gli idioti sono due!!
Molti pettegolezzi partono dalle presupposizioni (leggi articolo)!

A me piace il “pettegolezzo” buono, quello da risata, con la consapevolezza che, anche in questo caso, sono storielle umoristiche con poche o nessuna verità alla base! Ponendo la massima attenzione che, comunque, non ferisca la sensibilità di alcuno!

E che differenza c’è fra il bugiardo e il pettegolo?
Il pettegolo, se gli fai due domande che vanno in profondità, si rende conto di aver abboccato alla classica diceria di turno, priva di fondamenta. Il bugiardo, invece, persevera in ciò che dice e lo fa in malafede, perseguendo un qualche suo scopo a danno della verità, per interesse personale!

Il bello è che il bugiardo col passare del tempo, a forza di ripetere le stesse cose, si autoconvince di ciò che pensa e dice. In poche parole ha due memorie, la memoria reale che si basa su cose vere e la memoria menzognera che, partendo da quella reale, viene continuamente alimentata da cose inventate ad hoc. Col passare del tempo, quella menzognera, si ingigantisce e fa scomparire quella reale! A questo punto il bugiardo ci crede veramente e come spesso accade, quando viene smascherato in maniera inconfutabile, se ne rende conto anche lui e gli crolla il mondo addosso! Quello stesso mondo che egli stesso aveva costruito nel tempo!

 

Insomma non mi piacciono i pettegolezzi, li trovo poco concreti, dispendiosi e inutili, ma questo è quello che penso io, tu, invece, cosa ne pensi?