Come sta andando questo 2019?

Beh, direi molto bene, l’aumento di vendite e redditività è pari a un + 25% medio da inizio anno.


E’ una cosa scontata aumentare sempre i propri risultati e quindi quelli dell’intero Network?


No, non lo è per niente, non bisogna mai adagiarsi, ma spingere sempre!


Potrei dirti che le cose più importanti da non perdere di vista per essere un Consulente di Viaggi al top siano: conoscere e applicare bene le tecniche di vendita, applicare una buona strategia di comunicazione/marketing, conoscere bene la tecnica turistica in modo da poter lavorare in organizzazione, ma oggi mi voglio soffermare su di una cosa anch’essa molto importante, direi fondamentale, ossia la capacità di ricerca del prodotto e di processare correttamente tutte le informazioni.


Sì, sapere cercare il giusto prodotto o i giusti servizi per costruire da zero il prodotto da vendere al proprio cliente, oggi non è più facile come un tempo.


Mi ricordo che vent’anni o anche solo 10 anni fa non c’era l’offerta turistica che c’è oggi e soprattutto non c’era Google  e non c’erano i Social (G esiste dal 1998, ma è solo negli ultimi 10 anni che viene usato in modo massiccio e “intelligente”).


Se lavori in organizzazione devi saper usare molto bene sia google che i social e non in lingua italiana, ma inglese e/o spagnola e non su google.it, ma sul .com e sul .es.


Se non lavori in organizzazione, conosci bene tutti i TO italiani, a partire dai nostri PTO?


Conosci e sai usare uno strumento potentissimo che è la intranet del nostro gruppo d’acquisto Gattinoni con un volume d’affari di 300 milioni di euro


Quest’ultimo strumento devi saperlo usare anche se lavori in organizzazione, perchè i prodotti da prezzo li hanno solo i TO che fanno scommesse finanziarie, vedi vuoto/pieno e accordi particolari coi fornitori dei servizi finali.


Nei giorni scorsi l’uff formazione ha poi spedito un’email in cui elencava i prossimi appuntamenti formativi in Italia dal vivo. Sono veramente molti e tutti di alto livello. 


Approfitta dell’esperienza dei tuoi colleghi con più tempo in ET e con più esperienza sul campo e partecipa al più alto numero possibile di eventi formativi.


Più studi, più informazioni riesci a trovare, che NON siano alla portata dei tuoi clienti, più sarai competitivo e vincente!


Se ci sei anche tu, ci vediamo Sabato prossimo a Barcellona dove erogheremo formazione turistica e premieremo con la consegna degli Oscar i Consulenti ET che più hanno meritato nella stagione 2018/2019.
A presto! 

Innovazioni nel trasporto aereo!

Molto interessante questo articolo su Wired in cui spiega come le compagnie aeree cercano di migliorare l’esperienza del cliente, lavorando su nuovi servizi.

Ad esempio la gestione intelligente dell’over-booking grazie a un sistema predittivo che permette di individuare i passeggeri più propensi a cambiare il volo a fronte di un somma in soldi e lasciando il posto a clienti che invece non sono assolutamente disposti a farlo pur di arrivare puntuali. In questo modo evitando innumerevoli arrabbiature e cause legali.

Oppure un sistema, sempre basato sull’intelligenza artificiale, che apprende da tutti i dati presenti a livello mondiale sui voli e riesce ad esprimere in percentuale il rischio di cancellazione del volo, lasciando al cliente la possibilità di decidere sul da farsi con largo anticipo rispetto al trovarsi in aeroporto col volo cancellato.

Altra innovazione, questa volta banalissima (basta una rete wi-fi) già attuata dalla compagnia finlandese Finnair, sul far dialagare l’equipaggio di bordo via chat e non a voce, per non disturbare i passeggeri.

A breve si potranno pagare gli acquisti a bordo non più con lo scomodo contante o con le lungaggini della carta di credito, ma grazie al proprio profilo registrato dalla compagnia, dove si potrà includere un opzione pagamento che preleverà i soldi in automatico tramite il semplice codice Qr scannerizzato prima e dopo il volo, con relative notifiche dei pagamenti via app.

E molto altro ancora che potrai leggere su questo interessante articolo, che fa notare come l’industria del trasporto aereo appartenga a un settore ormai troppo vecchio a livello procedurale, a livello di prenotazioni, emissione della documentazione di viaggio, che con l’aumentare in modo esponenziale del traffico aereo deve portare alla semplificazione, alla dematerializzazione della documentazione di viaggio incluso il passaporto, insomma a migliorare e di molto l’esperienza del cliente.