Quota adeguamento carburante: legittima oppure no?

Nonostante sia una responsabilità dei Tour Operator, mi sento a disagio, provo frustazione e rabbia ogni qualvolta dobbiamo chiedere al cliente la quota adeguamento carburante….il quale si vede arrivare fra capo e collo, a volte anche cifre pesanti! E’una pratica legittima da parte dei TO? Legittimita da chi? Qual è il criterio di calcolo? Ne esiste uno riconosciuto, uguale per tutti? la posizione di Fiavet? E quella dell’Astoi? Perchè, noi agenzie, dobbiamo fare gli esattori di quella che, buona parte delle volte, risulta essere una “stecca”?

Fatto in questo modo, a me sembra un comportamento del tutto illegittimo e pretestuoso per chiedere più soldi ai clienti, fra l’altro in modo arbitrario (se non esiste un criterio trasparente). Qualcuno la considera adirittura una truffa! Capisco che i TO inseriscano (in piccolo) la clausola che avverte il cliente di un possibile adeguamento del prezzo del carburante, ma se il prezzo del petrolio raddoppia, il cliente paga il doppio, senza poter rinunciare all’acquisto? A me sembra una clausola vessatoria! Ragionando in modo diverso, potrebbe andar bene la quota adeguamento carburante (effetivamente il costo del petrolio aumenta), purchè ci sia un criterio oggettivo, accessibile facilmente al pubblico e controllabile! Così come per l’adeguamento del cambio valutario che oltre a salire, può anche scendere e tutti possono consultare il cambio ufficialmente riconosciuto! Ma CHI stabilirà un criterio ufficiale e legittimo? E’ giusto oppure no richiedere la quota adeguamento carburante?   Voi che ne pensate?

  46Commenti

  1. Bob   •  

    questa e’ recente:

    03/01/2008 – Da Ryanair nessuna sovrattassa per il carburante. Ryanair fa sapere in una nota che: “Oggi (3 gennaio), quando il petrolio ha raggiunto il prezzo senza precedenti di 100 dollari a barile, ha rinnovato ai passeggeri la sua garanzia che non applicherà mai una sovrattassa per il carburante, né oggi né mai”. Per “festeggiare” la garanzia di nessuna sovrattassa per il carburante, il vettore mette a disposizione 2 milioni di posti a 10 euro.

    conclusione: ai balzelli imposti da compagnie aeree e t.o. la leader del low cost risponde mettendo sul mercato 2 milioni di posti a 10 euro l’uno, ovvero 70 volte meno di quello che Alitalia ha perso nel tempo impiegato a postare qs messaggio (AZ perde 1 milione di euro al giorno, 41.667 euro all’ora, 694 euro al minuto)

  2. Lisa   •  

    in effetti mi chiedevo come possano le compagnie low cost non applicare nessun aumento (il carburante credo aumenti x tutti) mentre i vettori con i quali i to hanno i contratti di collaborazione inseriscono sempre la clausola dell’adeguamento…
    ci sono alcuni to che preferiscono non applicare nessun adeguamento, tanto poi recuperano i soldi con azioni di marketing…
    cosa significa? ..che in un modo più elegante riescono cmq a vendere qcosa e a compensare…
    quindi…meglio l’eleganza direi..almeno addolcisce le “sifonate” che noi tutti consumatori prendiamo prima o poi..
    concludo chiedendomi se il governo prevede l’adeguamento carburante x le auto blu?!….speriamo proprio di no!!!:-)

  3. Lorenz   •  

    Ryanair non applica adeguamenti carburante, però ha iniziato a fare pagare salatissimi i bagagli in stiva e la tassa per il check in (che però si può evitare con il checkin online)…diciamo che ha mascherato gli aumenti sotto altre voci…

  4. Davide   •  

    e allucinante!!!!
    Luglio 2008 140,00 di adeguamento per un volo a zanzibar..insostenibile..

  5. Anny   •  

    Ho appena appreso di un adeguamento carburante di 98 euro a testa da parte di Iberia piu’ altri 49 euro di adeguamento per la crociera…..Siamo completamente fuori!Ah dimenticavo la crociera e’ della Royal Caribbean (compagnia americana) e non e’ la prima volta che la faccio ma e’ la prima volta che mi fanno l’adeguamento carburante cosa che di solito mi capitava solo sul volo…..

  6. Matteo   •  

    Ciao Davide,
    anch’io ho appena ricevuto l’allucinante notizia dell’adeguamento carburante di € 140 per viaggio a Zanzibar…con che t.o. vai?
    Sei riuscito a pagare di meno e se sì come hai fatto?!?
    Ciao e grazie.

  7. geggi   •  

    io per un viaggio in spagna ho avuto un adeguamento di ben 40 euro e mi hanno detto che può ancora aumentare!!!!!

  8. Mara   •  

    Io per il mio recente viaggio in Grecia (con la Livingston, tramite Columbus Viaggi) ho pagato ben 94 euro di adeguamento carburante.
    Ho pagato senza dire niente perchè se non pagavo, non mi facevano partire!
    Però non mi sembra giusto anche perchè poi l’agenzia viaggi non mi ha rilasciati niente di scritto.. possibile che il TO non mandi nemmeno una mail con la richiesta di pagamento?
    Mi sto informando presso il Codacons, mi sembra più che legittimo avere notizie chiare visto che i viaggi li paghiamo piuttosto cari..

  9. federico   •  

    parto per il brasile tra un mese….e ogggi….. adeguamento carburante di 185 euro… il volo lo ho pagato 800…
    dico solo….grazie….grandissimi figli di p!

  10. M.Rosaria   •  

    Rispondo che bisogna fare una legge che tuteli i consumatori, perchè moltiplicando la quota x il numero di passeggeri di un volo viene fuori una cifra astronomica che è materialmente impossibile sia proporzionata al vero aumento del carburante. Facciamo una cosa indicizzata che tenga conto del numero di passeggeri e della distanza da percorrere. Sono arrabbiatissima ho appena pagato 67eu/pax ad Alpitour per andare in Egitto, mica in Nuova Guinea!

  11. marco   •  

    ciao!!oggi ho saputo che ho avuto un adeguamento carburante di 128€ a testa!!parto il 13 agosto per santo domingo!!ma io ho gia’ pagato tutto il 10 febbraio!!!secondo voi per chi ha gia pagato 6 mesi prima il tutto,questo adeguamento e’ giusto pagarlo??

  12. giuseppe   •  

    ho prenotato un viaggio per mauritius a giugno quando il prezzo del carburante era molto + alto da oggi. (diesel a giugno € 1,54 oggi € 1,47) stamane mi ha chiamato ADV dicemdoni che ci sta un aumento carburante di € 80,00. Mi chiedo: ma se il greggio è diminuito di prezzo, xke questo aumento? come possiamo difenderci da questo che a mio avviso è una vera e propria ……..

  13. daniela   •  

    ciao, io parto x zanzibar il 20/08 e solo il 04 agosto ho saputo che devo pagare € 160,00 di adeguam. carburante. sono nera di rabbia, primo xchè al momento della prenotaz. il tour operator “i grandi viaggi” ci aveva assicurato che già era calcolato nella quota, e secondo xchè 160 euro di adeg sono troppi considerato che il carbuarnte è sceso di prezzo. ma chi vogliono prendere in giro !!!! anzichè chiamarsi i grandi viaggi, questi io li chiamarei i grandi para….

  14. Adele   •  

    Lavoro come operatrice in una società che opera come agenzia o-line e sono convinta che ciò che dici sia verissimo. Trovo assolutamente vessatorio questo modo di applicare la tariffa adeguamento senza che il cliente possa tornare sulle sue decisioni. gli adeg di agosto per il lungo raggio, hanno inciso fino a 165 € a pax, e non è poco per una fam di 4 persone..

  15. Luca Baldisserotto   •     Autore

    Adele, purtroppo il cliente può tornare sulle proprie decisioni solo se l’aumento supera il 10% del costo del pacchetto, in questo caso può avere il rimborso totale! Io ho drammatizzato un po’ nel mio articolo, è vero anche che la situazione del mercato è davvero difficilissima e molti TO liminano i prezzi da tutte le parti, quindi si trovano a fare i conti con questi aumenti del petrolio. Io lamento che non ci sia una regolamentazione chiara in questo..sui criteri di calcolo…che a volte, invece, coprono altri buchi…di gestione! La cosa che noi Agenti di Viaggio possiamo fare è essere estremamente chiari coi clienti e avvisarli di questa possibile variazione del 10%, magari consigliando quei pochi TO che non lo fanno e crendogli dei pacchetti su misura, senza alcun TO!

  16. ELENA   •  

    anch’io sono molto arrabbiata perchè dopo 50 settimane di lavoro finalmente sognavo di partire per Fuerteventura e mi trovo a pagare 201 euro in tutto di adeguamento. siamo in tre, due adulti e una bimba. vergogna!

  17. donatella   •  

    Idem come M.Rosaria, 134€ in due con Alpitour per adeguamento carburante, proprio ora che il petrolio è diminuito. Poi ti fanno la promozione con 100€ a testa in meno a settimana, tanto poi li recuperano in questo modo. E’ vergognoso, W i voli low cost.

  18. francesca   •  

    Anch’ io sono stata vittima dell’aumento…parto per il Mar Rosso a Sharm a settembre, ho prenotato a Maggio,avevamo pagato in due 60 euro di adeguamento carburante, ora e’ arrivato un aumento…altri 70 euro! Ma solo in Italia ci sono questi aumenti?che vergogna!Non c’e’ una legge che ci tutela?

  19. Sandro   •  

    A me hanno chiesto 175 euro a persona per la repubblica domenicanana.
    C’E’ QUALCUNO CHE SA COME SI CALCOLA L’ADEGUAMENTO CARBURANTE, sul contratto c’è scritto che si calcola in maniera proporsionale al’indice Platts e alla variazione del dollaro. Questa frase non permette di calcolare nulla senza gli opporuni riferimenti!

  20. Flavio   •  

    Pure io ho subito il famoso adeguamento carburante con teorema sono 500 euri da dividere i 4 per partenza x il Messico l’adeguamento mi era arrivato circa un mese fa il petrolio era a 140 dollari al barile ora che è a 118 dollari che succede?

  21. francesca   •  

    scusate ma se il prezzo del petrolio sta scendendo e adesso è praticamente uguale a un anno fa,come mai devo pagare 65 euro per l’adeguamento di un viaggio a medio raggio???2 mesi fa aveva un senso,ora no.

  22. cristiana   •  

    anche io e il mio ragazzo ci troviamo nella stessaa situazione di Francesca, abbiamo prenotato ad apreile per sharm e laltro giorno mi ha chiamato il nostro agente di viaggio dicendo che dobbiamo pagare altri 138 euro in 2! ma non è possibile! dobbiamo tutelarci, che siano limpidi nel dimostrare il reale bisogno di adeguare il carburante secondo tabelle prestabilite con indici che siano disponibili per tutti!!! come dobbiamo fare?

  23. andrea   •  

    io ho prenotato una settimana a ibiza partenza da orio a metà settembre con la mia ragazza..mi è arrivata la telefonata del tour operator…possibile che per una tratta cosi’ corta dobbiamo elargire ben 40 euro a testa???

  24. alessio   •  

    anche io e i miei amici siamo nella solita situazione.partiamo tra 5giorni e oggi ci hanno comunicato che dobbiamo pagare altri 68 euro di adeguamento per l’egitto ma abbiamo pagsto tutto meno di un mese fa e da allora il prezzo del petrolio è solo sceso!

  25. francesca   •  

    anche il parto per Sharm il 31 agosto
    e mi ha contattato l’agenzia per chiedermi 70 euro a testa di aduguamento carburante, quindi 280 euro essendo in quattro. Mi sono informata e l’aumento può essere fino al 10% del prezzo forfetario del viaggio ma il t.o. deve fornire espressamente e chiaramente i criteri e le modalità di calcolo dell’adeguamente carburante e comunque non può aumentare i prezzi nei venti giorni antecedenti alla partenza ( art. 90 cod. cons.). Domani vado in agenzia a chiedere spiegazioni…

  26. francesca 16 agosto   •  

    brava!e facci sapere se puoi!anch’io domani o dopo chiederò…

  27. Umberto   •  

    Ciao a tutti, il t.o è obbligato a trasmettere al cliente la quota dell’adeguamento carburante non meno di venti giorni prima della partenza, c’è un decreto legge che ne stabilisce le modalità e i tempi. Per un viaggio in messico, mi è stata chiesta la bella cifra di 180 Euro a testa. Mica poco. Spero che si muova qualche cosa e che si faccia più luce sull’argomento.

  28. francesca 16 agosto   •  

    io ho chiesto all’agenzia e loro stessi mi hanno detto che i t.o. ci speculano sopra,su ‘sta cosa!purtroppo il viaggio una volta penotato e pagato lo si fa comunque…però dovrebbe esserci qualcuno a cui scrivere,chiedere…per lamentarsi!

  29. katia   •  

    in 4 a sharm prenotando il 29 maggio partenza 25 agosto adeguamento euro 200 .sia all’andata che al ritorno l’aereo ha fatto rifornimento a luxor dove il combustibile costa poco.come se non bastasse per orari voli abbiamo perso completamente sia il giorno di arrivo che quello di partenza…

  30. marco   •  

    io ho pagato 125 a testa per santo domingo con teorema,perche’ quelli con todomundo hanno pagato la meta’ e per adeguamento carburante niente!!che cavolo sono la banca d’italia che paga anche per gli altri!!!scusate lo sfogo,ma gia al secondo giorno di ferie ero alterato figuratevi ora!!

  31. paolo   •  

    prenotato una settimana x marsa alam x 25 persone al mese di luglio con prezzo del petrolio a 150 dollari al barile.
    ora vogiono un adegiamento carburante di 68 euro a persona nonostante il prezzo del petrolio sia calato sotto i 100 dollari

  32. luigi   •  

    partenza 6 ott. 130 euro di adeguamento carburante! e menomale che il petrolio e sceso da 150$ a 100$. se fosse stato l’inverso??? non oso immaginarlo.
    le autorita cosa fanno?
    sanno solo intascare le tasse sul costo del viaggio.
    tutelare il cittadino – no?!?!
    sarebbe bello metteci tutti daccordo e al momento della richiesta dell’adeguamento … rinunciare al viaggio e chiedere il rimborso anche per vie legali patrocinanti da tutte le associazioni consumatori

  33. luigi   •  

    ma quanto consuma un aereo?
    130 EURO a testa per tutti i passegeri è una bella cifretta.
    la domanda nasce spontanea:
    E’ UN ADEGUAMENTO O PAGARE DUE VOLTE IL CARBURANTE

  34. roberto   •  

    io ho intrapreso una causa tramite il mio avvocato per l’adeguamento carburante, mi chiedo come fanno questi tour operetor a stabilire la quota su tutto il pacchetto? seil soggiorno lo pago 940 eur a testa tutto compreso perche mi calcolano la percentuale anche sul soggiorno? secondo me dovrebbe essere solo sulla tratta. cmq 51 eur a persona l’adeguamento, come mai i gruppi che partono con lo stesso volo lo pagano 46 ? e chi sono io il figlio della serva?

  35. vincenzo   •  

    è possibile che difronte a tutto questo non si può fare nulla?e proprio una vergogna,infondo vi ricordo che siamo sempre in italia!io a dicembre devo partire per il messico,ma se dovessi ritovarmi a pagare un adeguamento carburante dai 50 euro in su pittosto che partire e regalarghi altri soldi mi do per malato e mi faccio rimborsare il tutto tanto sono assicurato,penso che dovrebbero fare tutti così…..

  36. Daniele   •  

    La ritengo una vera truffa! I TO propongono viaggi a prezzi stracciati e tentano poi di arrotondare con falsi aumenti o adeguamenti!

    Ed è un furto il fatto che chiedano adeguamenti quando da 1 mese e mezzo il prezzo del petrolio è crollato!!!

    L’esempoio di Paolo di qualche post precedente è un esempio!

  37. giorgio   •  

    La trasparenza tanto auspicata manca in asooluto sul calcolo dell’adeguamento. Sono sconcertato dalle richieste che mi hanno fatto alcuni operatori per un viaggio di lungo raggio mi chiedono 120 € nonostante il prezzo del petrolio sia calato dal momento della pubblicazione del catalogo alla data di prenotazione e partenza di circa il 30%. Io lo considero un vero furto!!!

  38. Fabio   •  

    Non prendiamoci in giro.
    Esiste il sito di riferimento con le quotazioni aggiornate del Jet Fuel Price:
    http://www.iata.org
    Il prezzo al 24 ottobre è di 670 .3, di molto inferiore al prezzo che, ad esempio, Alpitour ha come riferimento:
    923,5 !
    Basta essere informati e far valere le regole.
    Per le partenze di Dicembre 2008, i T.O. devono addirittura rimborsare !
    Se non lo fanno denunciate il fatto alle autorità competenti.

    Saluti

  39. RICCARDO   •  

    ho prenotato ad agosto per santo domingo. prezzo 1350euro.ora mi chiedono un adeguamento carburante di 130 euro.cosa devo fare per vedere se l’adeguamento è giusto o no?

  40. Francesca Fini   •  

    Ho prenotato una crociera Costa nel Febbraio del 2008 Oggi la Costa mi chiede un aumento sul prezzo del carburante che è sceso a 47 dollari al barile contro i piu di cento di febbraio -marzo 2008 è legittimo?
    Grazie

  41. giovanni   •  

    Quello che non si deve sapere!il calcolo per ricavare l’esatto importo da corrispondere per “l’adeguamento carburante” si basa sui seguenti elementi di facile reperimento:1)tipo di aeromobile”2)specifico consumo di carburante/ora3)numero totale di posti- passeggero4)ore di volo per coprire la tratta5)costo del carburante jet A1 (kerosene-type fuel jet)6)percentuale-predeterminata-di”adeguamento”da applicarsi per tutto il mese di riferimentio(pubblicazione ufficiale). Alcuni elementi, ovviamente, noi viaggiatori possiamo saperli solo al rientro ma alcune Compagnie Aeree già, con il biglietto elettronico, li forniscono.

  42. giovanni   •  

    le mie esperienze personali su diversi pacchetti turistici(Cuba-Russia-Cina):Due reclami scritti e motivati alle agenzie ed ho ottenuto il rimborso totale di quanto corrisposto alla voce”adeg. carb.”.Una denuncia Penale dove il Gip ha disposto l’archiviazione pur avendo accertato che quanto richiesto(55€) era in effetti €30/35 dovuto per “adeg.carb.” e €20 per “rifatturazione”!!!.Due cause pendenti presso il Giudice di Pace.Se si vuole far veramente chiarezza bisogna solo agire…le lamentele non risolvono. Un saluto e buon viaggio a tutti.

  43. Franci   •  

    Ma possibile che siamo qui tutti a parlare di una cosa fondamentalmente ILLEGALE senza che nessuno,nemmeno le associazioni dei consumatori facci qualcosa???Ma stiamo scherzando???Chi fa un vacanza a lungo raggio si trova a pagare 150,200 euro in più quando sono loro che dovrebbero rimborsare visto che il petrolio è sceso di prezzo!Eppure chi ha fatto causa come leggo sopra l’ha vinta…Anche il governo potrebbe fare qualcosa!!!

  44. obrelli giorgio   •  

    chi può sapere perche pochi giorni prima della partenza ti mandano un aumento per carburante quando questo è diminuito e sei costretto a pagare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.