Quale può essere un ostacolo alla nostra attività?

Ho notato che uno di motivi che a volte limita il successo di un Promotore, non è a livello dell’ambiente in cui svolge l’attività, di azioni, di tempo dedicato o di capacità, ma dipende da un inconsapevole contrasto di valori legato alla propria identità!

Già in un altro articolo (clicca qui) ho parlato del concetto di identità, ora voglio approfondirlo, parlando di alcuni valori collegati, cioè di cosa vale di più per un professionista (Promotore), rispetto a un dipendente! Premetto che nel mondo del lavoro esistono 4 figure/identità: dipendente, professionista, imprenditore e investitore e che la figura del Promotore Evolution Travel abbraccia le ultime 3, partendo di base da quella del professionista!

Quali sono le difficoltà che una persona incontra per passare da un’identità all’altra?

E in particolar modo quali sono le difficoltà, che incontra un dipendente quando vuole diventare un Professionista?

Poichè, di coloro i quali vogliono diventare Promotori Evolution Travel, una buona parte ha una posizione lavorativa dipendente, l’obiettivo di questo mio articolo è di essere loro d’aiuto nel farlo nel migliore dei modi, aumentando la consapevolezza sui meccanismi legati ai valori e all’identità, determinanti per raggiungere il successo voluto!
Per quanto mi riguarda la principale difficoltà è quella di essere consapevoli delle differenze e dei concetti che regolano le 4 figure e sapere bene cosa vale di più per se stessi, cioè i propri valori principali!

Dipendente:

Il primo valoreche cerca in assoluto è quello della sicurezza!

C’è difficoltà o incapacità nel gestire lo stato d’animo di fronte al rischio, alla paura di perdere soldi e fallire. Di solito il termine “paura” viene usato in risposta alla sensazione di paura, quindi non a qualcosa di veramente concreto, ma a senzazioni prodotte, il più delle volte, da pure e semplici presupposizioni, quasi sempre infondate e che mai si avverano: questo è sufficiente per tenere bloccate molte persone! La felicità deriva principalmente dal bisogno di certezza e non dall’insicurezza!

Anche per le altre figure c’è la stessa paura, ma viene affrontata in modo diverso!
E’ più importante l’idea, la sensazione di certezza, rispetto al denaro, anche se ci sono dipendenti che guadagnano molti più soldi di molti imprenditori: basta vedere cosa percepiscono certi AD di grosse società e non solo!

Questi valori possono essere così profondi e radicati

da venir trasmessi da generazione in generazione…mai sentito delle frasi tipo “Cercati un posto fisso, sicuro, ben pagato, magari in banca o in posta, così sei a posto per tutta la vita!” oppure “Hai visto quello che vergogna, è fallito, al giorno d’oggi è meglio non rischiare!”. I telegiornali, la stampa, la radio bombardano la mente delle persone, sfornando ogni giorno il peggio del peggio. Notizie del tipo “Ditta fallita…Crack finanziario…Guardia di finanza passa al setaccio (magari è un normale controllo)… Denunciati per frode fiscale (magari, poi risulta tutto infondato)….Scoppia incendio, distrutto negozio vittima del pizzo….ecc…

Sono pochissime le volte che vengono date notizie positive, sono quasi sempre negative!

La scuola, poi, certo non aiuta, poiché il sistema d’insegnamento si basa sull’evidenziare e punire gli errori  (ve li ricordate i segni rossi della biro che sottolineavano gli errori? Sembravano frustate su quel foglio bianco), piuttosto che premiare le cosa ben fatte. E poi ciò che viene insegnato a scuola sono solo abilità tecniche: per avere successo, in qualsiasi ambito della propria vita, ci vuole ben altro!!

Oggi le aziende considerano le abilità tecniche come dovute, le danno per scontate, quello che, invece, richiedono sono doti relazionali, di leadership e tutto ciò a scuola non viene insegnato!

Vi assicuro che tutto ciò

arriva e influenza profondamente la nostra identità, i nostri valori e di conseguenza quello che vogliamo fare e che ci sentiamo di fare!
Va da sé che molti preferiscono, anche inconsciamente, la “sicurezza” del posto fisso! Meno guadagno, ma meno rischio e più sicurezza!

Professionista o lavoratore autonomo:

Qui sono presenti i professionisti: promotori turistici, medici, avvocati, commercialisti, elettricisti, ecc…il cui valore principale è rappresentato dalla libertà finanziaria, individuale e vogliono essere il capo di loro stessi! Vogliono che il loro reddito non dipenda da altri se non da loro medesimi!

La loro qualità di vita è direttamente proporzionale alla capacità di gestire lo stato d’incertezza!

Combattono la paura di rimanere senza soldi, non cercando la sicurezza fornita da altri, ma cercandola assumendo il controllo diretto di ciò che fanno, assumendosi la responsabilità delle proprie azioni e quindi dei propri risultati! Sono dei “fai da te” eccezionali e sono abituati a prendere il toro per le corna!

L’indipendenza e la libertà di fare le cose, sono molto più importanti del semplice denaro. Queste figure pensano che nessun altro al di fuori di loro siano in grado fare ciò che fanno: di solito hanno difficoltà a trovare collaboratori, perché ritengono che nessuno sia alla loro altezza o credono che una volta trovati e formati, diventino dei concorrenti!

E’ per questo che consigliamo sempre, a chi vuole diventare Promotore Evolution Travel (ma ovviamente vale per qualsiasi altra professione) che la miglior cosa è esserne perfettamente consapevoli e visto che il nostro modello permette una certa flessibilità lavorativa, è meglio mantenere (per chi è dipendente) almeno un part time a stipendio fisso, per conservare quella sicurezza di cui si ha bisogno per svolgere un’attività in cui è determinante la tranquillità, determinazione, entusiasmo, coraggio e intraprendenza!

Molti hanno iniziato in questo modo e col passare del tempo, acquisendo sicurezza di risultati, hanno chiuso definitivamente la posizione dipendente, per diventare Promotori Evolution Travel professionisti full time con successo!

Il modello Evolution Travel offre, quindi, anche questo vantaggio, ossia di passare da un’identità all’altra, anche gradualmente: cosa ben diversa se si dovesse gestire un negozio fisico, in questo caso il passaggio deve essere immediato, con tutti i relativi rischi!

Le altre due figure, imprenditore e investitore, nel nostro Network, rispecchiano la figura del Prg (Promtore di riferimento di gruppo) e del Prp (Promotore di riferimento prodotti), ma ne parlo in un altro articolo, altrimenti questo diventa troppo lungo! 🙂

Nel frattempo vi consiglio vivamente la lettura di questo libro, “I 4 Quadranti del Cashflow” di Robert Kiyosaki  che ben spiega questi meccanismi, anzi direi assolutamente da leggere per chiunque voglia fare dei passi in avanti, con la consapevolezza che serve, al fine di ottenere ciò che  vuole veramente!

  1 Commento

  1. daniela amati   •  

    tutto giusto, come sempre. montagne di parole giuste. diamoci da fare per mettrle in pratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.